loghi IRCCS E. Medea , Associazione La Nostra Famiglia


[] Chi Siamo
[] Mission
[] La struttura
[]
[] Le sedi
[] Lombardia
[] Veneto
[] Friuli
[] Puglia
[]
[] Informazioni
[] Codice Etico
[] Organo di Vigilanza
[] CUP Prenotazioni
[] URP Relazioni
con il Pubblico
[]
[] Centro Ausili
[] Ricerca scientifica
[] Corsi e Convegni
[] Scuola e formazione
[] Editoria
[] Biblioteca scientifica
[]
[] Comunicati stampa
[] Ufficio stampa []
[] Contatti[][]

Privacy Policy

[]

sostienici

cerca

 

ufficio stampaComunicato stampa dell'irccs eugenio medea

Cerca comunicati

Archivio

06-06-17: Sviluppo del linguaggio: gia' a 12 mesi i bambini riconoscono gli articoli

Indagine sulla comprensione lessicale precoce attraverso la registrazione dei movimenti oculari. Lo studio condotto all'interno del BabyLab dell’IRCCS Medea vince il premio CLASTA.

Giulia Mornati, psicologa del BabyLab, che studia le abilità cognitive e percettive nei neonati e dei marcatori precoci di disturbi evolutivi come dislessia ed autismo, ha vinto un premio come miglior poster al convegno CLASTA, che riunisce coloro che si occupano dello sviluppo linguistico e comunicativo del bambino, sia nell’ambito della ricerca che in quello clinico e applicativo.

La comprensione delle parole nei primi mesi di vita ha un ruolo fondamentale per il futuro sviluppo linguistico del bambino.

Lo studio condotto da Giulia Mornati e colleghi, premiato dalla Casa Editrice Giunti, ha indagato quest’abilità in un gruppo di bambini italiani di 12 e 20 mesi, attraverso la tecnica sperimentale del “Looking While listening”.
Questa tecnica permette di registrare i movimenti oculari del bambino che osserva una coppia di figure su uno schermo (es. Bimbo vs. Cane), mentre ascolta una frase che lo invita a guardare una di esse (“Dov’è il cane?”). Data la particolarità dell’italiano, in cui i nomi sono concordati per il genere con l’articolo che li precede, è stato inoltre manipolato il genere delle figure presentate sullo schermo (ad esempio: Bimbo vs. Mucca), in modo da indagare se l’articolo potesse facilitare la comprensione delle parole.

I risultati mostrano che a 20 mesi i bambini riescono a riconosce la parola target in modo accurato, orientando lo sguardo verso la figura corretta già dall’ascolto dell’articolo. A 12 mesi, invece, i bambini non sono ancora in grado di orientarsi consistentemente verso la figura corretta. Sorprendentemente, però, già a questa età è stata dimostrata una facilitazione nella condizione in cui l’articolo è informativo.

Questi risultati, benché ancora preliminari, permettono di cogliere i meccanismi sottostanti alle precoci abilità di comprensione linguistica.

LA COMPRENSIONE LESSICALE PRECOCE E IL RUOLO FACILIATATORIO DELL’ARTICOLO IN BAMBINI ITALIANI DI 12 E 20 MESI: UN’INDAGINE ATTRAVERSO LA TECNICA DEL LOOKING WHILE LISTENING.
Giulia Mornati, Valentina Riva, Elena Vismara, Massimo Molteni, Chiara Cantiani
Unità Operativa Neuroriabilitazione 2 – Neuropsicologia dei Disturbi dello Sviluppo, IRCCS “Eugenio Medea”, Associazione La Nostra Famiglia, Bosisio Parini, Lecco

06-Feb-2017 - © I.R.C.C.S. Medea