Mappe mentali e schemi
  • Organizzatori visivi dei testi per creare MAPPE, SCHEMI e DIAGRAMMI (per lo studio, il ripasso e la pianificazione dei testi scritti e orali): utilissimi i software appositi per la creazione di mappe, meglio se con inserimento di immagini (anche se è possibile farle abbastanza facilmente con Powerpoint o Impress).
    Senza scendere nei dettagli su mappe mentali, concettuali, diagrammi ecc... ecco una panoramica:
    1. Tra i i software commericiali ricordiamo SuperMappe di Anastasis con tutte le sue utili funzioni, è al momento il migliore per i dislessici perchè integra un'ottima sintesi vocale in un software di uso intuitivo per la realizzazione di mappe mentali. Esiste poi Kidspiration.
    2. Nel panorama dei prodotti gratuiti si ricorda CMap (pagina di download in inglese, ma interfaccia programma in italiano), Cayra (è solo per Windows XP o Vista e richiede il Net Framework 3, ma fa mappe molto fluide e colorate: un esempio - file pdf), XMind, e ancora Diagram Designer per mappe più semplici... In rete si trovano anche molte mappe già pronte da scaricare.
  • Il tema delle Mappe (mentali, concettuale, ecc.) è ampio e anche complesso. Se ne discute molto ma anche in modo approssimativo. Per ridurre il rischio di banalizzazione, è importante avere chiari questi punti:
    1. mappe concettuali e mappe mentali sono cose differenti, che si realizzano con attività cognitive diverse;
    2. i software disponibili, in genere, sono predisposti per facilitare la realizzazione di uno o dell'altro tipo di mappe;
    3. il valore formativo principale nell'uso delle mappe è l'apprendimento di come si realizzano e quindi la loro produzione autonoma;
    4. entrambi i processi non sono per nulla "naturali" o semplici, ma invece impegnativi e dispendiosi (energie, tempo, pensiero); ovviamente la fatica è ripagata da una comprensione approfondita e un'acquisizione piuttosto solida dell'argomento;
    5.  l'acquisizione della metodologia di lavoro richiede un apposito percoso di insegnamento ed esercizio;
    6. le mappe (o schemi, diagrammi, ...) possono essere utilizzate anche in modalità "passiva", cioè utilizzando prodotti realizzati da altri (ve ne sono molte anche sui libri di testo); questa modalità offre meno risultati sul piano formativo e di apprendimento, ma l'organizzazione delle informazioni in modalità grafica invece che testuale è comunque utile per lo studio.
  • Tra le molte risorse internet dedicate all'uso di questi strumenti nella didattica e nello studio si segna il prof. Marco Guastavigna, uno dei primi e più attivi studiosi e "praticanti", oltre che persona generosa nel mettere a disposizione materiali ed informazioni. Redige uno spazio specifico sul tema. 
  • Un altro software per mappe mentali molto diffuso, ampiamente sperimentato e di semplice utilizzo (ma consente anche funzioni molto sofisticate) è Freemind  (pagina di download in inglese, ma interfaccia programma in italiano). Recentemente alcuni sviluppatori di Freemind hanno dato vita ad un software molto simile. Il software si chiama Freeplane.  Anche in questo caso è FREE e ha la pagina di download in inglese, ma l'interfaccia del programma in italiano.
  • Sono disponibile le istruzioni per creare mappe con Impress - file pdf - (pacchetto OpenOffice) mentre negli altri documenti del corso trovate una guida per crearle con PowerPoint (file pdf).
  • Si segnala Il libro di scuola frutto del il lavoro paziente di alcuni genitori, che setacciano internet raccogliendo appunti di lezioni, schemi, diagrammi e mappe; li selezionano, classificano e organizzano in gruppi tematici.
  • WikiMindMap è uno strumento online utile per creare mappe mentali utilizzando le voci di Wikipedia. Indicando l'oggetto della ricerca verrà restituita una vera e propria mappa concettuale interattiva. Nelle voci correlate che presentano il segno + è possibile accedere a livelli subordinati di relazione, mentre le mappe possono essere "riparametrate", cliccando sulle voci con accanto la doppia freccia verde che diventano, in tal modo, il nodo centrale della nuova mappa. La mappa generata può essere salvata con estensione .mm, che può essere poi gestita con FreeMind o Freeplane.
  • Vue strumento per mappe mentali e concettuali richiede per essere scaricato, la registrazione gratuita al sito (la pagina di download è in inglese, ma poi l'interfaccia del software si presenta in italiano). Ha molti punti in comune con CmapTools e la differenza principale sta nella possibilità di organizzare presentazioni. Questo lo rende particolarmente adatto per gli insegnanti che vogliono spiegare i concetti evidenziando i collegamenti.
 
free poker

Informausili

Area riservata